Richieste dei mutui, dove eravamo rimasti?

Una breve panoramica su come è andata e soprattutto su come potrebbe andare a finire nel 2021.

Per quanti già conosco i dati passati e le proiezioni per il 2021, quello che sta per leggere non è certo una sorpresa. Tuttavia, la maggior parte delle persone come molti addetti ai lavori, questi dati non li conoscono. Il primo dato è sicuramente anche il più interessante per fare una disamina di quello che può attenderci nell’anno in corso.

Il dato importante e di grande conforto, è un deciso +2,8%, contro ogni previsione ci siamo lasciati alle spalle un anno davvero nero per il settore immobiliare, che evidentemente non ha mollato la presa. Il motivo di questo strano effetto? È molto semplice, il crollo della fiducia in investimenti finanziari e soprattutto l’incertezza. Quando non hai basi e una visione di futuro, il mattone, specie in Italia diventa il rifugio dove mettersi al riparo. Questo 2,8% in una condizione di “guerra” è tutt’altro che disprezzabile.

Cresceranno ancora le richieste di mutui (salvo pandemie)

Ovviamente le previsioni si fanno senza considerare imprevisti tanto meno le pandemie. Una di queste previsioni fatta dal Crif e Sda Bocconi, ci riportano un più ottimista aumento variabile dall’11% al 26%, ovviamente in condizioni di mercato normale e senza impedimenti operativi, (vedi alla voce Covid). Nel qual caso, pandemia imperante il crollo sarebbe di un -5%, stimato, quindi potrebbe essere anche molto più corposo.

Questo lo scenario possibile nelle divergenti direzioni, con uno stimolo di crescita dato soprattutto dal migliore andamento economico da parte delle famiglie italiane. Probabilmente questo ricorso al credito immobiliare potrebbe essere frutto di una percezione, almeno per ora, di stabilità politica oltre che economica, forse anche il vaccino è visto come la soluzione per il ritorno alla normalità. Quale sia l’effetto che stimola l’azione importa fino a un certo punto, quel che conta è che non ci siano altri stop al mercato causati da fattori esterni, appunto il Covid.

Condizioni di normalità per tornare alla normalità!

Per fare questo salto nel futuro di una crescita possibile e senz’altro necessaria, occorre solo qualche ingrediente, stimoli, futuro e credito. Sono la base di sviluppo di ogni economia, ma per l’immobiliare questi tre pilastri rappresentano l’ossigeno vitale.

Per vedere il 2021 positivo sotto ogni punto di vista, evitando quel crollo ipotetico del -5% ma forse anche maggiore, non ci dovranno essere incidenti né rallentamenti. Ripetere un anno nefasto come il 2020, significherebbe perdere una buona fetta del mercato immobiliare con scenari apocalittici. Per cui con la speranza che si arrivi a quel +26% di richieste di mutui, che salvi non solo tutto il mercato ma anche la futura esistenza dello stesso, non resta che confidare, come molti stanno già facendo, in Mario Draghi, considerando che ha anche l’appoggio del Papa ci aspettiamo anche in un miracolo!


Webinar Immobiliare consacra definitivamente la formazione!

Siamo entrati a piene mani nell’era digitale concretamente, in questi mesi di blocco per la tutela dalla salute abbiamo capito molte cose … Ma facciamo un passo indietro, quando fu lanciata questa iniziativa per andare incontro anche a molte esigenze degli agenti, mai potevamo pensare a un tale successo.

Era il 2013 quando dall’idea di Francesco Beraldo, noto imprenditore impegnato sul fronte dei servizi immobiliari, schioccò una delle sue tante scintille. Prese così vita Webinar Immobiliare in momento in cui il digitale era in una sorta di “gestazione” prolungata, si parlava tanto della Rete ma in concreto si faceva molto poco.

Così è nato questo canale di supporto per gli agenti, precisamente nella primavera di sette anni fa, un esordio a dire il vero “timido”. Cambiò in poco tempo, quando entro nel merito delle questioni della professionalità di un settore che merita attenzione e un indirizzo commerciale più tutelato. Le prime esperienze non furono quelle dei grandi numeri, il primo Webinar Immobiliare fu seguito da circa 70 persone. Non tante ma considerando il momento un numero soddisfacente. In questi sette anni si sono avvicendanti oltre 30 esperti professionisti che hanno dato il loro contributo facendo crescere ulteriormente la piattaforma.

La crescita e l’interesse delle ultime settimane

In queste ultime settimane Webinar Immobiliare ha realizzato eventi tutti a sostegno e stimolo del settore. Con una media di oltre 500 partecipanti live e oltre 1.300 nuovi iscritti solo nell’ultimo peridio. In questa avventura Webinar Immobiliare ha avuto il sostegno di Partner importanti, quali Immobili Ovunque e appunto noi di Accademia. Abbiamo visto una crescita degli iscritti interessati all’ambito delle informazioni, ma con una particolare attenzione alla formazione. Un dato che ci fa capire che il blocco per il Covid-19 ha cambiato non solo le nostre vite ma anche il modo di fare business.

Questo ci ha portato ad alcune riflessioni di fondo molto importanti, sicuramente quella più radicale è la “scoperta del digitale”, ma non solo. Per scoperta del digitale si intende la percezione che in futuro molto più lavoro può essere svolto online, cambiando così radicalmente l’approccio lavorativo finora conosciuto. Siamo dunque in un nuovo modello tutto da scoprire e interpretare, non c’è dubbio che essere pronti a questa sfida è fondamentale. La formazione come più volte sottolineato qui sul nostro blog, non si può posticipare ancora, tanto c’è da fare e da recuperare, ora è tempo di farlo.

Sempre più professionisti qualificati

Webinar Immobiliare oggi conta oltre 5.000 iscritti in costante crescita, questo è un segnale chiaro di cosa sarà il domani. La riapertura delle attività economiche chiuse è solo il primo passo per ritornare alla produttività. Quello che è importante sapere dopo questo evento, è che il sistema non è più lo stesso, occorre quindi adeguarsi e cambiare approccio. Il futuro viaggerà sempre più attraverso la Rete, così anche i nostri affari e relazioni.

Per questo è importante essere pronti e cogliere il momento in cui sì, ripartiamo, ma sarà una partenza lenta dove occorre avere le giuste leve di stimolo. Senza una buona conoscenza pragmatica della situazione, non sarà possibile cogliere quel cambiamento in atto. Perderlo vuol dire vedersi tagliati fuori dal mondo, che purtroppo non attenderà il nostro ritmo, perché è molto veloce. Sembra ieri che ci siamo ritrovati in emergenza e chiusi in casa, eppure oggi, dopo circa due mesi non sarà sufficiente alzare la saracinesca. Ora dobbiamo aprire i portoni della nostra mente e abbracciare il cambiamento che sarebbe arrivato comunque, ma che è stato anticipato.

Ora è il tempo di capire, migliorarsi e padroneggiare la tecnologia a proprio vantaggio, solo chi lo farà potrà dirsi partecipe del presente e in viaggio verso il domani!

Scopri la qualifica di Accademia: https://accademia-solutions.it/qualifica/

La rinascita parte dal digitale, gli strumenti per lavorare online

Eccoci, siamo quasi pronti per ricominciare dopo un due mesi di stop d’emergenza, tutti eccitati come bambini in attesa della sorpresa tanto attesa, già! Eppure, tutta questa brutta storia del virus con tutti i problemi e disagi conseguenti, ha portato tutta una serie di cambiamenti. Molti di questi resteranno in modo permanente nelle nostre vite, per esempio, l’uso della tecnologia e del digitale. Parliamo di strumenti noti, spesso usati in alcune occasioni ma raramente considerati sistemi di lavoro a tutti gli effetti.

Tanto per capirci parliamo dei sistemi di “netmeeting”, che offrono la possibilità di fare video conferenze multiutente con estrema facilità e praticità. Per quanto riguarda il settore immobiliare, questo può significare il radicale cambiamento del rapporto tra agenti e clienti. Il digitale in questo caso può favorire la necessità di distanziamento sociale, ma che può rivelarsi molto utile anche dopo.

Le applicazioni che dobbiamo imparare a conoscere

Molti sicuramente conoscono già questi sistemi, come Zoom, un’applicazione che in realtà consente molto di più delle sole videoconferenze, è anche una piattaforma webinar che consente di gestire un gran numero di utenti. Fino a creare dei veri e propri eventi live con mille persone nella versione Enterprise in modalità view-only. Strumenti quindi in grado di farci comunicare e connettere con chiunque in modo rapido e veloce, con chi magari si trova dall’altra parte del mondo.

Skype per il supporto clienti è stato uno dei pionieri in tal senso, oggi usato ancora massicciamente sia da utenti privati sia aziendali. Anche questo sistema è molto versatile, si chiama e videochiama, ha una chat e consente la condivisione dello schermo, dei file con una serie di altri strumenti molto comodi.

Google Meet Hangouts altro sistema targato Big G che ormai conoscono tutti gli utilizzatori del famoso client di posta Gmail, la Suite di Google offre praticamente un ambiente di lavoro online completo. Dalla comunicazione istantanea alla videoconferenza, con annessi foglio di calcolo editor di documenti, presentazione ecc.

Viber, Wire, WebRoom e altri ancora sono strumenti utili per migliorare, incoraggiare ad aumentare i contatti, guardiamo a queste soluzioni tecnologiche dal giusto punto di vista per capirne le potenzialità e sfruttarle oggi e soprattutto domani.

Firma digitale e sicurezza nelle contrattazioni

Ovviamente se ora viene meno la presenza fisica nelle trattative, occorre avere delle forme contrattuali di valore giuridico, dove tutelare anche la sicurezza e la garanzia dei dati. In questo ambito possiamo affidarci a quelle che sono le soluzioni già disponibili riconosciute istituzionalmente. Ad esempio, la PEC/Firma Digitale, oppure il servizio di Infocert e altri servizi simili riconosciuti. Questo per dire che gli strumenti ci sono già tutti, ed ora è il momento di iniziare ad usarli davvero e con proficua efficacia.

L’uso della firma digitale semplifica notevolmente la procedura di una trattativa, avrà lo stesso valore pari, ad esempio, alla firma di un acquirente posta su un contratto cartaceo. Questo perché la firma digitale è autenticata e certificata, quindi offre tutte le garanzie per la stipula di contratti o firma di documenti che hanno valore giuridico.

In conclusione

Il presente che stiamo vivendo in questo momento di emergenza, ci sta rapidamente traghettando verso nuovi metodi di lavoro, che andranno a modellare molti business che altrimenti avrebbero impiegato molto più tempo. Questo colpo di “shoc economy” ci farà fare un balzo in avanti di almeno 10 anni, ed è per questo motivo che dobbiamo prepararci professionalmente.

La tecnologia ed i sistemi citati, sono solo una parte del cambiamento che possiamo considerare il “software”, l’altra e molto più importante siamo noi, che in questo caso identifichiamo come “hardware”. In altre parole, oltre ad aggiornare il software dovremo aggiornare anche l’hardware, noi. Occorre un nuovo approccio sistematico del fare business, e quindi snocciolare tutte quelle questioni che ruotano intorno alla gestione manageriale, dalle relazioni alla capacità di fare impresa.

In Accademia, stiamo puntando da qualche anno ormai, proprio a questa concezione del nuovo modello di business, basato sia sulla tecnologia digitale, ma anche e soprattutto sulla formazione professionale!

Vai ora alla qualifica: https://accademia-solutions.it/qualifica/

Quali saranno le cose positive dopo questo periodo di sofferenza?

Prima di fare una valutazione sulle cose positive, occorre essere realistici e ricordare quanti problemi questa pandemia ha provocato. Il primo pensiero va ovviamente alle vittime di questa tragedia, che purtroppo conseguentemente ne ha provocata un’altra di altrettanta gravità. Parliamo della crisi sociale conseguente di quella economica. Questa avrà un impatto davvero significativo che ci porteremo dietro per anni, già si stima almeno 4 milioni di nuovi poveri e una perdita di posti di lavoro molto simile.

In termini economici questa pandemia alla fine di tutto ci costerà un conto molto salato, qualcosa che si aggira intorno a 600 miliardi, ma non è questo il punto. Il vero problema è dove trovare questi soldi “senza farci male”, ma soprattutto il tempo che occorrerà per recuperare quanto perso.

Ecco questo era doveroso ricordarlo prima di guardare alle positività, diciamo quel bicchiere mezzo vuoto che comunque è un buon segnale.

Le positività che possono aiutare nel recupero economico

È vero come abbiamo detto che l’economia ne risentirà pesantemente, ma ora, in prospettiva di positività possiamo fare qualche valutazione. La prima riguarda la tecnologia che subirà e sta già subendo uno “shock” d’accelerazione. Questo in altre parole vuol dire gran parte del mondo che abbiamo conosciuto muterà o semplicemente scomparirà.

La formazione online diventa non solo necessaria ma obbligatoria, con vantaggi sociali per il momento di emergenza, ma lo sarà sempre più in termini pratici e di efficienza. La nuova tecnologia 5G permetterà l’uso di applicazioni fino a ieri impensabili, con una velocità davvero incredibile, tutto sarà connesso e tutto sarà a portata di click. Cambierà sostanzialmente anche la figura dell’Agente Immobiliare, che avrà più opzioni per lavorare e intercettare domanda e offerta, il tutto solo grazie all’uso di strumenti di comunicazione nuovi.

Per fare un esempio, Webinar Immobiliare in 3 settimane ha organizzato 3 webinar e ha raggiunto quasi 2000 agenti immobiliari numeri impensabili per il passato. Questo dato è davvero sintomatico di una mentalità che cambia seguendo non solo le esigenze contemporanee ma consapevolmente all’evolversi della società.

Formazione e professionalità uniti dalla digitalizzazione

Solo tornando indietro di qualche anno, non avremmo mai creduto a questo cambiamento avvenuto progressivamente con la Rete, eppure lo abbiamo metabolizzato man mano negli anni. L’accelerazione di queste ultime settimane ha messo il turbo ad una società proiettata speditamente nel futuro, con le occasioni che si profilano all’orizzonte.

Ad esempio, con la virtualizzazione prossima, sarà possibile vendere immobili anche all’estero, offrendo un’esperienza praticamente quasi live agli interessati. Il tutto senza muoversi dall’ufficio, con una realtà davvero impressionante. Questo, vuol dire anche nuovi posti di lavoro e nuove figure professionali, quindi parte di quelle positività che tutta questa storia ci lascerà come eredità.

Il futuro non sarà solo tecnologico, ma sarà anche molto ma molto più professionale, determinato appunto da un maggiore uso della tecnologia che per sua natura tende al perfezionamento. Gli Agenti di domani saranno “Agenti Immobiliari Qualificati”, è già ora ne abbiamo la certezza, visto l’interesse crescente per Accademia e i servizi offerti. La formazione di alto livello non è solo un vezzo o titolo da sfoggiare all’occasione buona, oggi essere formati vuol dire essere “taglienti” in una società dove occorre essere avanti.

Il successo non è mai gratis

Forse un secolo fa si potevano costruire fortune con un cent, come fece Paperone, ma questa è una favola … la realtà è che ora e più che mai domani, la formazione, il sapere e tutto ciò che è forma, diventa inevitabilmente sostanza, quindi crescita.

Questo può accadere se ne abbiamo le capacità e soprattutto le competenze, perché il domani non sarà solo più professionale, ma anche molto più selettivo, quindi solo essendone all’altezza possiamo aspirare al successo!

Vai ora alla qualifica: https://accademia-solutions.it/qualifica/

Decreto liquidità, quali opportunità cogliere e come!

È stato da poco varato il Decreto Liquidità. Secondo grande intervento dopo il Cura Italia, il decreto liquidità mira a fornire una serie di strumenti a sostegno delle imprese.

Si tratta di un impegno senza precedenti messo in atto dallo stato per far fronte ad una crisi anch’essa senza precedenti. Imprese e liberi professionisti messi in ginocchio dall’emergenza sanitaria avranno un aiuto concreto dallo stato per superare questa fase, in attesa di poter ripartire.

Con il nuovo decreto sono stati messi in campo 400 miliardi di euro in totale, suddivisi tra mercato interno (200 miliardi) ed export (200 miliardi).

Come descritto dal premier Conte, si tratta di una vera e propria “Potenza di fuoco” soprattutto se sommata agli stanziamenti del precedente decreto Cura Italia. Una serie di interventi volti a garantire liquidità alle imprese e a tutelare il mercato interno così come l’export. Un intervento mirato per non soccombere e per facilitare la ripresa.

Il decreto Cura Italia aveva previsto delle misure di natura economica a sostegno di PMI e partite iva. Il nuovo decreto invece prevede un intervento sostanziale per garantire liquidità a tutte le categorie che sono state toccate dalla crisi in atto.

Misure fiscali

La prima azione è quella della sospensione di vari pagamenti fiscali e contributivi con scadenza tra aprile e maggio secondo quanto segue.

  • Sospensione di IVA, ritenute e contributi sospesi per chi abbia avuto un calo di fatturato. Per accedere bisognerà aver avuto un calo del 33% per fatturati sotto i 50 milioni e del 50% sopra tale cifra. I residenti delle 5 province più colpite (Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza), godranno in ogni caso della sospensione se avranno un calo del fatturato di almeno il 33% a prescindere dalla soglia di fatturato.
  • Chi ha iniziato l’attività al 1° aprile 2019 sarà in ogni caso esonerato dai suddetti versamenti
  • I versamenti saranno dovuti a partire da giugno, con la possibilità di rateizzarli in cinque rate.

Fondo centrale di garanzia per le PMI

Per le aziende che ne faranno richiesta, sarà possibile accedere al credito avendo lo stato come garante. Le aziende potranno infatti, attraverso i soliti canali, richiedere dei prestiti per affrontare le spese inderogabili di questo periodo, senza fornire garanzie.

Il fondo centrale risolverà il problema delle molte aziende che non possono fornire garanzie adeguate per i prestiti. Offrirà infatti garanzie pubbliche ai finanziamenti concessi dalle banche e da differenti soggetti finanziari.

Il fondo fornirà le seguenti garanzie:

  • Su prestiti fino a 25mila euro, darà una garanzia al 100% senza valutazione del merito di credito.
  • Su prestiti da 25mila a 800mila euro darà una garanzia al 90% con valutazione del merito di credito. Tale garanzia salirà al 100% se intervengono anche i Confidi.
  • Su prestiti da 800mila a 5 milioni di euro darà una garanzia al 90% con valutazione del merito di credito.

SACE garanzia per le grandi imprese

Per le grandi imprese invece sarà la società SACE, che si occupa di servizi finanziari per le aziende a fornire la garanzia. Attraverso SACE si forniranno garanzie a coprire tra il 70 ed il 90% dell’importo richiesto da aziende che abbiano attività produttive localizzate in Italia.

  • Imprese con un fatturato inferiore a 1,5 miliardidi euro e meno di 5mila dipendenti in Italia. È prevista una procedura semplificata per l’accesso alla garanzia e una copertura del 90%
  • Imprese con oltre 5mila dipendenti e un fatturato fra 1,5 e 5 miliardi di euro. È prevista una copertura dell’80%
  • Imprese con fatturato sopra i 5 miliardi. È prevista una copertura del 70%.

Golden power

Ulteriore elemento di tutela inserito nel decreto è il Golden Power, voluto dal Premier per tutelare le imprese strategiche. Il governo, grazie al Golden Power si pone quale controllore dei settori vitali per la sopravvivenza del paese.

La formazione nel palmo della mano

La formazione nel palmo della mano

Sappiamo tutti quale grande contributo ha offerto la Rete Internet in questi ultimi 20 anni alla collettività, più informazioni, cultura e sapere accessibile 24 ore giorno. Ora siamo in una fase più evoluta della tecnologia, la quale diventa sempre più raffinata in termini di capacità di calcolo e interazione ma semplice nell’utilizzo.

Questa fase evolutiva riguarda la crescita personale, quindi la formazione, in altre parole lo sviluppo delle capacità personali riguardo a un’attività specifica, un lavoro o professione.

Ora la formazione si fa attraverso i nuovi strumenti di comune utilizzo, computer, tablet e smarthphone, strumenti con i quali possiamo interagire grazie a software e applicazioni da installare che consentiranno l’accesso a piattaforme dedicate alla crescita personale. Il background formativo si svolge attraverso sistemi programmati in grado di ampliare e stimolare conoscenza e tecniche, con notevoli vantaggi per la formazione.

Un sistema in continua crescita

I sistemi per la crescita personale in questi ultimi tre anni hanno visto un rapido e corposo incremento, i motivi sono tutti di natura pratica ma anche di efficienza:

  • La formazione online non necessità di una location fisica e può essere fruita ovunque da un numero illimitato di persone.
  • Costi ridotti nel complesso per tutta la didattica che può essere replicata più volte senza aggravio dei costi.
  • I docenti possono rendere disponibili documenti online compresi grafici, lezioni audio e video, e grazie ai moderni sistemi possiamo interagire con gli stessi.
  • Non ci sono vincoli di tempo, una lezione può essere “consumata” in qualunque momento e replicata più volte.

Questi i principali motivi per cui la formazione online funziona e riporta un notevole successo in molti settori.

Uno per tutti e tutto in uno

La filosofia è sostanzialmente questa, con un unico strumento quale potrebbe essere il cellulare, il tablet piuttosto che il computer, si può partecipare a corsi di formazione online, imparare nuove lingue, approfondire tecniche di vendita e imparare qualsiasi cosa in modo preciso e professionale.

In una piattaforma dedicata si possono approfondire temi nel dettaglio, imparare ogni aspetto per le pubbliche relazioni, tecniche legate al marketing e vendita, il tutto comodamente da casa, in viaggio e ovunque con costi davvero molto competitivi, … è il futuro bellezza!